Identità visiva + web design

Arpa ~ Associazione Ricerca Psicologica Applicata

La cura della relazione con il paziente e della rete che ha intorno è il nostro modo di manifestare il modo in cui crediamo debba essere posta attenzione professionale e fattiva sull’altro.
I soci e le socie

Vuoi andare subito al sodo?
Qui c’è il logo e qui c’è il sito

ARPA è un progetto culturale, terapeutico e formativo attivo a Milano sin dal 1987 e divenuto Associazione a partire dagli anni 90.

ARPA è un progetto culturale, terapeutico e formativo attivo a Milano sin dal 1987 e divenuto Associazione a partire dagli anni 90.

Vuoi andare subito al sodo?
Qui c’è il logo e qui c’è il sito

Come accade spesso alle piccole realtà nate dalla visione audace di qualche personaggio, la storia dell’Associazione germogliata dagli scambi tra il prof. Cesare Musatti, il dott. Rodolfo Reichmann e il prof. Ernst Federn (figlio di Paul, che era stato collega di Sigmund Freud) è un aspetto importante che da sempre ne caratterizza l’identità. Tuttavia, come pure accade spesso quando a un’eredità viene lasciato troppo spazio, prima o poi la direzione comunicativa del passato non si rivela più adatta a raccontare chi si è diventati nel frattempo.

Così è successo in Arpa: il sito web era ormai obsoleto e appesantito da una serie di informazioni che era ora di “lasciare andare” mentre le scelte visive adottate sui canali di comunicazione non seguivano una direzione coerente. Il risultato era che l’esperienza, la grande professionalità e la cura con cui i soci svolgono il loro lavoro non venivano trasmesse.

Il lavoro di restyling del sito web è perciò cominciato con la rimessa a fuoco sia dell’identità visiva sia dell’identità verbale, curata da Giulia Modena.

Per progettare una veste grafica che rappresentasse il sentire attuale dei soci e delle socie, amalgamato in giuste dosi alla storia dell’Associazione, ho impresso al lavoro di analisi la forma di un racconto corale grazie a cui sono emerse chiaramente delle immagini condivise – su tutte, il rifugio e la rete di sostegno. 
Nell’identità visiva e nel logo progettati questi concetti vengono trasmessi attraverso l’utilizzo di uno stile grafico vivace ed espressivo, capace di amplificare tutta la gamma di sensazioni riconducibili a come i soci desiderano far sentire chi si rivolge a loro. Accolti, al sicuro, presi per mano.

L’obiettivo che ho perseguito nel successivo re-design del sito è stato creare un sistema in grado di unire le due “anime” dell’operato dell’Associazione: la creatività e la competenza. Se la prima, come dicevo, è espressa dall’identità visiva e dai suoi adattamenti, la seconda è affidata a una gabbia grafica e a dei layout davvero essenziali, chiari e scorrevoli da navigare.

Il sito che ne risulta è un luogo dall’appeal fresco e accattivante, in cui finalmente non ci si perde perché a dare il ritmo c’è una consapevolezza matura di dove risiede il vero valore dell’esperienza di Arpa.

Ecco la storia che ho immaginato per Associazione Arpa

Una voce amica mi ha sussurrato che solo chi ha dentro il caos può generare una stella che danzi.
Io la ringrazio…
Mi ha rivelato che ho nel cuore l’intero firmamento.

La palette colore

La palette colore

I font

Note a margine

➳ Le scelte di comunicazione visiva esistenti, per quanto non intenzionali, rivelavano già la stessa impronta “espressiva” che ho riscontrato durante l’analisi delle risposte al questionario

➳ È stato sfidante riunire in un’immagine univoca la pluralità di voci di un’associazione, e una bella occasione per indagare ancora più a fondo quali sono gli elementi essenziali che permettono di dare forma a un’identità

➳ Le mie compagne di viaggio in questo progetto sono state Giulia Modena (copywriter e consulente di comunicazione) e Margherita Passalacqua (psicoterapeuta e referente per conto di Arpa). A loro va il mio “grazie” più grande!

Parole chiave

Insieme

Rete

Cura

Rifugio

Sinfonia

Dulcis in fundo

Da tempo sentivo l’esigenza di cambiare il logo che mi aveva accompagnato per tanti anni e ho pensato che Clarissa fosse la persona giusta per crearne uno nuovo, non solo per la bellezza dei suoi disegni ma anche per la sensibilità e la magia che li caratterizzano. Cercavo infatti una persona che scavasse fino all’essenza per riportarla visivamente in un’immagine grafica in cui potessi rivedermi davvero. Clarissa ha fatto un lavoro magnifico e quando ho visto il concept e le proposte che mi ha inviato, sembrava che mi conoscesse da una vita: c’eravamo proprio io e la mia filosofia di lavoro, però più belli! Come in quei ritratti dove il sorriso è genuino.

Vuoi essere la mia prossima storia?