Identità visiva

Stefania Bonino ~ Comunicazione digitale

“Se potessi esprimere un desiderio forse sarebbe proprio questo: che le persone avessero la possibilità di avere abbastanza strumenti critici e giudizio per usare i social nel migliore dei modi, mantenendo la comunicazione “umana” sempre al primo posto e non sostituendola mai con quella “social”.

Stefania

Stefania è una consulente freelance specializzata in comunicazione per il web. 

Quando mi ha affidato il restyling della sua identità visiva, è partita da una premessa: il risultato di questo lavoro sarebbe stato solo per lei. Niente target né clienti ideali a cui badare, quindi, ma solo il desiderio di vedersi e rispecchiarsi al 100% da esaudire. Questo approccio mi è piaciuto: ho sempre creduto anche io, infatti, che il primo compito di un logo sia proprio quello di permettere a chi lo indossa di percepirsi meglio e, di conseguenza, di abbracciare fino in fondo quella che mi piace chiamare “la sua storia”, la sua scelta di lavoro o di vita.

Il mio metodo di lavoro è basato sulla narrazione per questo motivo e, in fondo, le storie che scrivo sono il mio tentativo di aiutare qualcun altro a vedersi.

Questo è lo spirito con cui ho lavorato al logo di Stefania, un elemento visivo che secondo me funziona al meglio quando racchiude una promessa: la sua, ho intuito, riguarda la possibilità di camminare leggeri verso la scoperta della propria voce.

Il mio metodo di lavoro è basato sulla narrazione per questo motivo e, in fondo, le storie che scrivo sono il mio tentativo di aiutare qualcun altro a vedersi.

Questo è lo spirito con cui ho lavorato al logo di Stefania, un elemento visivo che secondo me funziona al meglio quando racchiude una promessa: la sua, ho intuito, riguarda la possibilità di camminare leggeri verso la scoperta della propria voce.

Ecco la storia che ho immaginato per Stefania

Una leggenda narra che al principio del mondo c’era solo…

…una eco.

Era l’eco delle cose possibili ma non ancora reali, che rimbalzava nello spazio siderale in cerca di ciò che le mancava per realizzare il proprio potenziale.

Fino al giorno in cui incontrò l’uomo.

Quando udì la eco, l’uomo le rispose: fu così che le cose inziarono a venire nominate… e a diventare reali.

Credo che sia solo una leggenda, una favola buona per addormentare i bambini.

Eppure, quando l’immaginazione vaga nello spazio in cerca di appigli, è proprio una eco simile quella che mi permette di dare forma ai pensieri.

Una eco a cui rispondo con nomi e parole, creando qualcosa che prima non c’era.

Un sogno non ancora sognato, un’idea non ancora immaginata, oppure, la mia preferita… 

Una strada non ancora percorsa.

Concept | Logo design | Pattern e icone per il sito web

Clarissa è riuscita a stupirmi! Avevo in mente un’idea di logo indefinita, ma lei è riuscita a propormi, attraverso un procedimento davvero originale, non un semplice logo, ma una vera e propria storia in cui riconoscermi pienamente.

Vuoi essere la mia prossima storia?